Training Autogeno e tecniche di rilassamento

Il Training Autogeno

Si tratta di una tecnica di rilassamento, messa a punto nel 1932 dal  neurologo tedesco J. H. Schultz.

Essa, attraverso una serie di esercizi di concentrazione passiva, focalizzati sul corpo, consente il raggiungimento di uno stato di autodistensione, con modificazioni del tono muscolare, della funzionalità vascolare, cardiaca e respiratoria, dell’equilibrio neurovegetativo e dello stato di coscienza.

In cosa consiste

Dopo essersi allenati in una posizione supina, ben appoggiati al materassino, alla calma ed alla distensione, si passa al raggiungimento di 5 livelli facenti parte del T.A. di base (o inferiore). Il primo livello comporta la percezione del rilassamento muscolare e dell’ipotonia, tramite l’esercizio del Peso. Esso è seguito dalla percezione della vasodilatazione del sistema vascolare periferico, con iperemia, nella fase del Calore. Allenarsi a sentire pesantezza e calore stimola un buon rilassamento e una profonda distensione. Si ascoltano, poi, il proprio battito cardiaco, in uno stato di calma, nell’esercizio del Cuore, il ritmo respiratorio nella fase del Respiro, l’equilibrio dei propri organi interni, associati a calore superficiale e profondo nell’esercizio del Plesso Solare; infine la calma e pace  mentale interiori con la Fronte Fresca.

Per chi è utile?

Il Training Autogeno è utile per chi soffre di:

Disturbi d’ansia (ossessioni, fobie, disturbo acuto da stress, ansia generalizzata)

Dipendenze (fumo, alcool, cibo, psicofarmaci)

Disturbi psicosomatici

Disturbi del sonno e della concentrazione

Tensioni, stress, nervosismo e debolezza fisica

Disturbi della sessualità

Altre tecniche di Rilassamento utili:

  • Rilassamento neuromuscolare di Jacobson
  • Rilassamento frazionato di Vogt
  • Rilassamento psicosomatico Soubiran
  • Rilassamenti immaginativi di Balzarini